Vai al contenuto

Perdono. Scacco matto al passato!

febbraio 21, 2015
foto

foto: tessanetwork.com

Il PERDONO è un atto di volontà. Qualcuno lo vive con un’intenzione morale, come un dono d’amore a chi gli ha fatto del male, affinché sia chiaro l’esempio di “amarci l’un l’altro”. Qualcuno lo vive con il significato di “porgi l’altra guancia”. Altri perdonando si sentono migliori di chi li ha offesi e questa convinzione costituisce un gradino positivo nel distacco dal torto subito e nel riscatto dalle ferite.

Ci sono poi persone che non vogliono dimenticare né perdonare, poiché hanno bisogno di quella rabbia persistente come motivazione per andare avanti. A volte il torto subito diventa il tema centrale della loro vita. E il passaggio da essere “vittima” a quello di “vittima consapevole” è l’inizio di un percorso evolutivo. È un argomento vasto e al di là della percezione soggettiva più o meno intensa del proprio dolore, ci sono alcuni tipi di “offesa” all’essere umano che vengono oggettivamente definiti come crimini, e qui voglio mettere un punto e andare oltre.

Di grande interesse per me Coach, nel lavoro diretto con le persone e soprattutto nel Coaching emozionale è la grande frequenza e le caratteristiche emozionali con cui si presenta questo tema. In genere infatti, le persone avendo ricevuto “offese” spesso proprio dai loro riferimenti affettivi, conservano emozioni come rabbia, tristezza, delusione, senso di abbandono, sfiducia e rifiuto chiuse e serrate nel loro archivio emozionale, poiché spesso la relazione con quelle persone continua nel tempo e nessuno ne parla e neanche ci sono delle scuse. Anzi spesso la consapevolezza del torto subito si trova da una parte sola.

Come trattare allora quella voce interiore che ancora manda messaggi e stimoli legati al passato doloroso?

Il PERDONO è un tema centrale in due fra i metodi di Coaching che utilizzo, cioè il tapping (EFT) e la BSSF (Be Set Free Fast). Questi due metodi dedicano un ampio capitolo a questo tema. Quello che è rilevante ad ogni modo è che la mancanza di perdono genera “tossicità” emozionale e spesso la presenza di sintomi fisici come infiammazioni, problemi gastro intestinali, problemi alla vista, mal di testa, astenia, problemi ai denti va a braccetto con una condizione di tossicità emozionale. Dunque le cure mediche, che sono sempre in ogni caso insostituibili, possono essere anche affiancate da un lavoro mentale/emozionale che rafforza e rassicura la persona nel processo di guarigione.

Allora cosa significa Perdonare? In pratica come si fa?

Il perdono è in definitiva una decisione. Significa rendersi responsabili della propria vita e decidere pensando a se stessi. Dunque si fa per mettere termine a una condizione di legame con il passato, per lasciare spazio al nuovo e al cambiamento di prospettiva, di orientamento e di motivazione. Inoltre una condizione più rilassata e distaccata, libera dalle istanze compensatorie e dalla rabbia vendicativa, favorisce la fiducia, la tenerezza e il gioco che sono ingredienti eccellenti per i buoni rapporti. Quindi se vuoi perdonare, smetti di pensare a chi ti ha offeso e concentrati su di te e su quello di cui hai bisogno per andare avanti con la tua vita e avrai delle belle sorprese! Il wingwave Coaching, poiché interviene con le sue componenti nella “metabolizzazione” delle emozioni e nel processo di “disapprendimento” dei neuroni è la freccia di cupido della guarigione. Infatti una delle forti motivazioni al perdono è sapere che c’è la possibilità di percepire se stessi nella completezza e purezza antecedente alla ferita ricevuta, con la conoscenza di oggi. Con l’albero delle affermazioni, il test muscolare e la stimolazione bilaterale degli emisferi, il flusso dinamico emozionale è ristabilito e siamo di nuovo padroni della nostra vita. L’umiltà con la quale ci siamo assunti la responsabilità di sanarci lasciando andare le offese subite, si trasforma in stima e amore per se stessi e soddisfazione per la capacità di apprendere dall’esperienza acquisita.

Il wingwave training per Coach e terapeuti si svolge a Roma dal 12 al 15 marzo 2015. Iscrizioni al sito www.wingwaveitalia.com e per email info@ilcoaching.net

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: