Vai al contenuto

Amicizia. Scegli chi ti sta accanto.

agosto 1, 2018

IMG_1225

“La vera amicizia consiste nel poter rivelare all’altro la verità del cuore”.
Papa Francesco

L’amicizia come l’amore ha tante forme e tanti aspetti diversi. Difficile riportare tutto sotto un unico cappello. Alcuni criteri tuttavia sono utili per capire se hai a che fare con un manipolatore o con una persona realmente interessata.

Ci sono innanzitutto diversi livelli di amicizia, più o meno profondi, ci sono amici del tipo “divertiamoci e poi ognuno a casa sua” e amici tipo “divertiamoci e cresciamo insieme.”

Tuttavia nonostante questa distinzione è difficile riconoscere il/la manipolatore/manipolatrice ed ecco alcuni segnali molto utili.

L’AMICA/O MANIPOLATORE|MANIPOLATRICE

1) Si avvicina in un periodo della sua vita in cui vuole qualcosa da te per es: conosci una persona che gli/le interessa, stai facendo o possiedi qualcosa, che vorrebbe avere o fare e cui non riesce ad accedere, prestigio sociale, benevolenza, amici, professione, glamour e così via… Vuole essere te, ha bisogno delle tue risorse mentali. Vuole controllare ogni aspetto della tua vita.

2) Durante la vostra amicizia prende tutto quello che offri, i tuoi amici, i tuoi parenti, le tue attività, la tua saggezza, i tuoi punti di vista, non si ferma davanti a niente, ma in realtà anche quando ha conosciuto ogni angolo recondito della tua vita, non basta. Coltiva la sensazione che hai negato qualcosa e ti rimpiazza facilmente dopo averti consumato come un panino. Inoltre è sempre pronto/a a starti vicino se stai male, perché segretamente si compiace di questo, ma se gli/le comunichi i tuoi successi, un nuovo amore, un nuovo lavoro, esperienze positive, in segreto si contorce d’invidia e sviluppa risentimento e mette distanza nei tuoi confronti.

3) D’altro canto, e qui diventa interessante, conoscere i suoi amici, parenti, partecipare alle sue attività è praticamente impossibile. Fa parte del controllo, non sopporta che tu possa piacere ai suoi amici. Non propone mai, ti lascia fare il lavoro e si riserva di “farti sapere” se sarà poi disponibile, ma non è mai contenta/o. Dopo essersi insinuata/o con determinazione e adulazione nella tua vita con apparente disponibilità, te la/o ritrovi a breve giro inaffidabile, assente e a farsi desiderare mettendoti in competizione con altre sue amicizie e facendoti arrivare il messaggio che non sei abbastanza.

Queste persone hanno un’autostima molto bassa, spesso hanno ricevuto questo stesso trattamento in una relazione, hanno subito mobbing, bullismo o discriminazioni in famiglia. Sono persone che cercano una rivincita dalla vita e lo fanno usando gli altri, in modo sottile, a volte sembrano persone estremamente buone e disponibili, ma sembrano affette da una sorta di bulimia affettiva.

LA VERA AMICA| IL VERO AMICO

La vera amicizia è fatta di mutuo soccorso nelle difficoltà e sostegno verso il successo, non di compatimento ma di aiutare veramente l’amico in difficoltà e senza aspettarsi nulla in cambio. Nella vera amicizia la condivisione avviene nella reciprocità, ognuno si impegna a mettere il proprio amico a suo agio, a migliorare insieme, a porsi obiettivi e gioire dei successi dell’altro. Nella vera amicizia c’è sincerità e apertura ai sentimenti dell’altro.

La vera amicizia è importantissima per incedere nella vita, tanto quanto e come l’amore da un senso migliore a tutte le nostre esperienze, è una spinta al miglioramento è un sostegno ed è parte della nostra famiglia del cuore.

Questo tema sarà trattato nel corso “NARCISO DIETRO LO SPECCHIO” – Roma 29-30 settembre 2018 informazioni e iscrizioni: info@ilcoaching.net

 

 

2 commenti
  1. Alessandra permalink

    Buonasera, ho letto l’articolo e volevo chiedere: in un rapporto di amicizia frasi come “se sei davvero mia amica come dici, fai così”, “se mi vuoi bene, fai così/torna la persona che mi piace tanto”, “mi stai deludendo, pensavo mi volessi più bene di così”, “io non ho mai detto di esser perfetta, però”, “pensa come vuoi, visto che non mi credi” e dopo che tu rispondi “posso anche crederti ma vedo i fatti, che non sono molto diversi da come ho scritto”, sentir dire “non meriti altre risposte”… e simili come possono essere considerati? La ringrazio.

    Preciso che questo avveniva pressoché sempre quando cercavo di dire qualcosa che non mi andava, mentre l’altra persona diceva sempre cosa non le andava di me e asseriva di voler io facessi altrettanto.
    Cordiali saluti,
    Alessandra

    • Cara Alessandra,
      mi scusi molto, è passato qualche mese e ho avuto molti spostamenti e cose da fare, quindi non ho fatto attenzione ai commenti.
      Spero tuttavia che una mia opinione anche se in ritardo la possa aiutare a farsi un’idea di questi rapporti. I rapporti di amicizia possono essere paritari, o anche non paritari, più o meno distaccati o vicini. L’importante a mio parere è che ci sia rispetto e accettazione. Frasi che fanno sentire di essere deludenti o di non essere all’altezza, non fanno parte dell’amicizia, ma esprimono la necessità di dominare sull’altra persona.
      E a meno che non vi sia un rapporto di critica scherzosa e divertente, è inutile criticare con un’intenzione negativa.
      La critica costruttiva e sfumata aiuta invece a crescere e consolidare l’amicizia.
      Si tenga vicina amici che la sostengono e la fanno sentire bene.
      Questi sono molto importanti e ci aiutano a migliorare veramente.
      Un caro saluto
      Teresa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: